Ostuni: la Città Bianca e il Paese più bianco del mondo

La bellezza della Valle D’Itria è che a distanza di pochi km ti trovi in tre province diverse: Bari, Taranto e Brindisi. Dopo aver visitato Martina Franca ci siamo diretti ad Ostuni per pranzare. Le due città distano circa 24 km e ci sono tre strade che le collegano. Abbiamo preso una strada secondaria per arrivare per poter ammirare un panorama diverso da quello  già visto il giorno prima, quindi abbiamo evitato di prendere la strada che ci portava verso Cisternino. Il mio intento era quello di fermarci a pranzo a Ceglie Messapica e poi proseguire la visita di Ostuni nel pomeriggio, mio marito ha optato invece per pranzare ad Ostuni. Abbiamo percorso questa strada in piena campagna, come lo sono del resto tutte le strade che abbiamo frequentato in questi giorni, ma questa, forse perché meno trafficata, è una strada che non finisce mai, non sappiamo nemmeno se è una strada senza uscita e se mai ci porterà fino a destinazione.

Arriviamo ad Ostuni e lasciamo la macchina in Via Pola, un po’ più distante dal centro storico. Per raggiungere la parte più conosciuta della città abbiamo percorso una strada in discesa che ci ha condotto davanti alla Colonna di Sant’Oronzo in Piazza della Libertà. La Colonna fu realizzata da Giuseppe Greco in pietra locale nella seconda metà del ‘700 come ex voto dopo aver superato il periodo di peste e carestia ed è alta poco più di 20 metri. La statua di Sant’Oronzo è posta in alto ed è stato rappresentato mentre benedice il popolo. Sotto di lui sono raffigurati quattro santi tra cui San Biagio e Sant’Irene. Sempre in Piazza della Libertà c’è il Palazzo Municipale, che fino al 1864 fu un convento francescano.

Ostuni

Colonna di Sant’Oronzo

Sant’Oronzo è il patrono della città: viene festeggiato ogni anno dal 24 al 27 agosto, e il 26 agosto è il giorno della Cavalcata di Sant’Oronzo, un corteo di cavalli e cavalieri che sfilano per le strade di città per ricordare il Miracolo del Santo nella protezione della città dalla peste.

Saliamo per le vie del centro storico con un caldo pazzesco, ma soprattutto con tantissima fame. In ogni vicolo ci sono uno o più ristoranti. Il profumo che si sente mentre camminiamo è buonissimo, e i menù esposti ti fanno venir ancora più fame. Alla fine abbiamo optato per un ristorante nei pressi della Concattedrale, con il tavolo all’esterno. Per mia abitudine faccio sempre foto ai piatti, questa volta invece mi è sfuggito.

Dopo aver pranzato, andiamo sulle Mura difensive ad ammirare la vista panoramica che si affaccia sul Tirreno.

Ostuni: la Città Bianca per eccellenza

Ostuni è la più turistica tra tutte le cittadine visitate in Valle d’Itria. È la città bianca per eccellenza. Forse perchè Ettore della Giovanna non aveva fatto prima o dopo visita a Locorotondo. Questo giornalista, fu il primo a definirla Città Bianca, dopo esser stato inviato nel 1941 da “Il tempo illustrato” e l’ha descritta così nel suo articolo “Il paese più bianco del mondo“:  “A Ostuni le case sono bianche, di latte e di calce, sono bianche fino a far male agli occhi, sono candidi i muri, le finestre, le porte, le scale, tutto è inverosimilmente bianco, anche le strade, la polvere è di gesso, forse anche le piante e l’aria”.

Ostuni è bianca e bella anche sotto il sole cocente. Come Martina Franca, anche lei merita una visita più approfondita per visitare il Monastero delle Carmelitane e l’interno della Concattedrale. Alle 3 del pomeriggio cosa vuoi fare? Solo i bar e qualche negozio di souvenir è aperto. Te la consiglio vivamente nelle ore preserali, dove puoi trovare anche più gente. Noi l’abbiamo scoperta meno turistica e l’abbiamo apprezzata. E’ anche un’ottima meta per le vacanze al mare con i suoi 17 km di costa.

Leggi anche...
Grave - Grotte di Castellana
Le Grotte di Castellana
Zoosafari di Fasano: tre parchi tra flora e tantissima fauna
Zoosafari di Fasano: tre parchi tra flora e
Ad Alberobello vivo in un “Paese di sogno”
Ad Alberobello vivo in un “Paese di sogno”
I “borghi più belli” della Valle d’Itria: Locorotondo e Cisternino
I “borghi più belli” della Valle d’Itria: Locorotondo
Martina Franca: la città barocca della Valle d’Itria
Martina Franca: la città barocca della Valle d’Itria
Cosa vedere nella Valle d’Itria: il nostro itinerario
Cosa vedere nella Valle d’Itria: il nostro itinerario
prev next

2 commenti

  1. Molto bello la cattedrale di Ostuni. Per il resto, non mi ha colpito più di tanto. Sarà che avevo grosse aspettative 🙂

    • A me è piaciuta nonostante il grandissimo caldo all’ora di pranzo. Anche se.. dopo aver già visitato altri luoghi e le aspettative erano tante, ci aspettavamo un pò di più. Sarà stata l’ora sbagliata? 😀 un bacione

Rispondi